BACKUP AND RESTORE – INTRODUZIONE

Guida al Backup / Restore in ambiente openSUSE per utenti.

Consigli pratici per la gestione e il mantenimento affidabile di soluzioni di backup personali, SOHO.

Stiamo lavorando ad un progetto importante, uno di quei lavori che ti fa sentire orgoglioso, questa volta prevediamo un bel successo, siamo a buon punto, abbiamo sempre salvato il lavoro in una directory dedicata, siamo felici.
improvvisamente notiamo dei fastidiosi impuntamenti del computer, strano, non è vecchio. Per sicurezza salviamo gli ultimi progressi e chiudiamo il nostro IDE, è tardi, spegnamo ed andiamo a dormire.
L’indomani, il computer non ne vuole sapere di avviarsi correttamente, si blocca sempre e non si riesce a completare l’avvio, solo uno spegnimento e riaccensione sembra aiutare, ma invano, il computer non si avvia… pensiamo ad un banale guasto, tipo la RAM difettosa o qualche altro guaio minore. Tuttavia la scadenza è vicina e pensiamo a come estrarre i file del nostro progetto, ci rivolgiamo quindi al tecnico di fiducia, passano alcuni giorni ed ecco il verdetto! é l’HarDisk ad essersi guastato! E i dati? “Eh, difficile dire, vi sono delle aziende specializzate in recupero dati da HDD guasti, di solito chiedono da diverse centinaia sino ad un migliaio di Euro, a seconda della quantità di dati e dal tipo di guasto…” ci si sente dire. Difficile descrivere il senso di smarrimento misto al terrore della parcella…
Incubo terminato!
Questa situazione è meno rara di quanto sembri e mette in luce un aspetto spesso trascurato, soprattutto in ambito domestico, professionisti e piccole aziende non strutturate, l’assenza di una politica di backup e ripristino dei dati. E’ proprio di questo che parleremo e di come gli strumenti liberi di GNU/LINUX – openSUSE possano aiutarci.

I nostri dati

Quanto valgono i nostri dati? Ecco una domanda dalle mille risposte, a seconda dell’uso che facciamo del computer e del fatto che lo usiamo o meno per lavoro od altre attività. Che si tratti delle foto delle vacanze, della tesi di laurea o della contabilità aziendale la perdita di dati costituisce un danno. Gli strumenti e le pratiche per mettere al sicuro i nostri preziosi dati non sono misteriosi ed esoterici, esistono da molti anni ed in una grande varietà, dobbiamo imparare ad utilizzarli!

Backintime

Il metodo più semplice per eseguire un backup dei nostri dati è costituito da “backintime”, uno strumento semplice e poco invasivo con cui è possibile effettuare backup automatici. Il bello che può eseguire il salvataggio ad intervalli di tempo predefiniti, o ad intervalli regolari. E’ naturalmente possibile selezionare le directories da salvare i tipi di file da ignorare ed altri parametri.
Il primo backup sarà completo, includerà tutti i files e le directories che abbiamo selezionato, i successivi saranno incrementali, conterranno solamente le differenze tra lo stato attuale e quello precedentemente salvato. Questo permette di risparmiare molto spazio sul dispositivo di destinazione.
Vediamo un po’ più in dettaglio come procedere, installiamo backintime attraverso YaSt → gestione pacchetti e selezionaimo i pacchetti backintime, backintime-lang e backintime-qt4, rispettivamente lo strumento a linea di comando, il pacchetto con le schermata-backintimelocalizzazioni e l’interfaccia grafica, che tornerà molto comoda ed intuitiva.
Al primo avvio sarà visualizzata la schermata delle impostazioni, a noi importa, al momento impostare solo la destinazione del backup, dovrebbe essere un disco “esterno” al computer, anche un HDD su USB.

Selezioniamo quindi destinazione locale e selezioniamo il nostro disco esterno.
Passiamo poi a selezionare le directories che vogliamo salvare, ad esempio /home/utente/Documenti.
Indichiamo anche se desideriamo un’operazione pianificata, ad esempio ogni giorno alle ore 20:00. (il computer deve essere acceso naturalmente)
Cliccando sull’icona “dischetto” si esegue un salvataggio indipendentemente dalla pianificazione.

Restore
In caso di necessità si può ripristinare da un salvataggio “istantanea” scegliendo se ripristinare tutta l’istantanea (ad esempio a seguito sostituzione Hard disk), oppure una singola directory o file, per fare questo basta navigare nella finestra delle istantanee sino a trovare il file di nostro interesse, cliccandolo con il tasto destro del mouse si apre il menù contestuale dal quale selezionare “ripristina”.

In questa prima “puntata” abbiamo introdotto alcuni concetti base, possono apparire anche banali e “ridondanti”, tuttavia si riscontra nella realtà che troppe persone / organizzazioni magari pur conoscendo i concetti, non li applica! Con grande danno e scorno!
Alla prossima, dove entreremo un po’ più nel dettaglio di Backintime, a presto!

Lascia un commento